author 3312351287-335404481-3312355053

Confronta

Sirmione

Sirmione

SIRMIONE, comune italiano in provincia di Brescia, è una località molto ambita sia d’inverno che d’estate grazie alla varietà delle sue attrazioni ed i numerosi locali aperti tutto l’anno!

Il centro storico sorge su una stretta penisola che taglia il lago di Garda.

Questa cittadina vanta origini molto antiche; sono state rinvenute vestigia romane e medievali. Non manca infatti l’opportunità di concedersi qualche momento culturale tra visite al Castello Scaligero con il suo fossato e le sue mura e l’area archeologica delle Grotte di Catullo.

Gli amanti del relax potranno dividersi tra un giro in barca ed un tuffo nelle acque benefiche delle Terme. Mentre chi è abituato a non fermarsi mai potrà godere della spettacolarità del paesaggio facendo lunghe passeggiate in riva al Lago o addentrandosi nella suggestione dei percorsi predisposti per biciclette e moto.
A Sirmione non ci si annoia mai!

Curiosità SULLE TERME DI SIRMIONE!

Alcune testimonianze storiche fanno risalire al 1500 la scoperta della prima fonte sulfurea chiamata Boiola.
Ma c’è una data ben precisa che segna la “nascita” delle attuali Terme di Sirmione, ovvero il 24 agosto del 1889.
Quel giorno, con una folla di spettatori increduli, un Palombaro veneziano di origine inglese, di nome Procopio, si immerse nelle acque sotto le Grotte di Catullo a circa 300 metri dalla riva e raggiunse la profondità di 20 metri. Per l’epoca, l’impresa fu memorabile! L’impavido palombaro era dotato semplicemente di uno scafandro, ma grazie a questa coraggiosa immersione, riusci a conficcare nella roccia che sgorgava acqua calda, una condotta per far confluire il flusso di acqua.
E se oggi riusciamo a beneficiare delle proprietà di questa preziosa fonte termale lo dobbiamo proprio a questo Palombaro.

Curiosità Botaniche a  SIRMIONE!

Se riusciamo a  distogliere lo sguardo da tutti quegli scorci panoramici che il lago tutto intorno ci offre, possiamo scorgere il maestoso Pioppo nero che ombreggia l’intero largo Pertini e che, a pochi metri dalla sponda del lago, impreziosisce il panorama verso Peschiera e il monte Baldo. Il suo tronco possente ha la ragguardevole circonferenza di quasi 7 metri. Quanti anni può avere? Difficile definirlo con precisione ma, dato che questi alberi possono vivere dai 200 ai 400 anni, non è improbabile che questo pioppo esistesse già all’inizio dell’ottocento quando i Francesi tolsero agli Austriaci il dominio del lago di Garda. Quanto durerà ancora questo vetusto pioppo? Forse pochi anni perché sono già presenti delle zone marcescenti, quindi, fin che resiste, godiamocelo questo monumento naturale.

SCOPRI GLI EVENTI A SIRMIONE

 

img

admin